RSS

L’INTOLLERANZA ZEN

18 Ago

La verità, nuda e cruda, è che sono diventata intollerante. Pensavo, anzi, ci speravo, che con l’età mi sarei ammorbidita e accontentata. C’era qualcuno forse che la diceva, una cosa del genere. Sarà. A me non sembra…Perché sono tante le cose che non tollero.

Non tollero più, per esempio, chi si riempie la bocca di belle parole per nascondere i propri egoismi, chi pontifica senza costruire e chi critica tanto per distruggere.

Mi sanguinano le orecchie a sentire discorsi razzisti spacciati per sentimento patriottico, o parole fintamente compassionevoli sulla disabilità e complimenti esageratamente sorpresi sulle donne che fanno carriera.

Non sopporto chi si prende tempo senza darlo mai, o chi usa a sproposito la frase “ho problemi più importanti di cui occuparmi” per potersi permettere di trattare persone e cose come più gli aggrada, o, peggio, chi pensa di risolvere i problemi degli altri senza pensare ai propri.

Mi infastidisce, ancora, chi giudica senza sapere, chi svalorizza il lavoro degli altri senza conoscerlo, chi campa sugli errori degli altri e nasconde i propri sotto il tappeto.

E più di tutto, non tollero gli ignoranti di cuore, gli indecisi cronici con i sentimenti altrui, per non parlare poi di chi invece che con gli altri scende a compromessi con se stesso.

Ma chi proprio non sopporto è chi ha bisogno di sminuire gli altri per sentirsi grande, chi usa il sarcasmo per ferire e soprattutto, e qui finisco, chi non ha alcun rispetto per gli altri, ma lo pretende, e vuole pure conto.

A volte, quindi, mi capita di non tollerare neanche me stessa, perché, beh, sono un essere umano e non sono esente da tutto ciò.

 

E lo so, lo so bene che dovrei fregarmene, chiudere gli occhi e mettermi a tacere. Non dire nulla, non arrabbiarmi, stare tranquilla e stare a guardare mentre ci si fotte il cuore a vicenda.

“La calma è la virtù dei forti”, si dice.

Lo so. Come so bene che dovrei essere zen, ma la verità è che non sono un giardino.

Annunci
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 18 agosto 2015 in liberazione, Racconti

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: